MEDITAZIONE 21-2017

Spesso le cose negative che ci capitano, le attribuiamo (come copla) a qualcun altro, dimenticandoci che se diamo agli altri il potere delle nostre “sfortune”, diamo a loro anche il potere sulle nostre fortune. In poche parole ci stiamo esautorando dal poter gestire e governare la nostra vita come meglio vogliamo.
Questa “perdita di potere” l’abbiamo imparata da piccoli, quando non siamo stati accolti per la bellezza che eravamo, ma conformati allo “standard” del bravo bambino/a che di bravo aveva poco, e che in realtà serviva a togliere solo un problema ai nostri genitori che non sapevano come gestirci in quel particolare momento. Ora possiamo dire basta a questo gioco al “massacro” e riappropriarci del governo della nostra vita, cominciando ad accettarci per quello che siamo, e che i nostri genitori non hanno saputo fare. Accettarci non significa che tutto quello che facciamo è giusto, significa che possiamo sbagliare, provare, chiedere scusa, applaudire, esultare senza più giudicarci per quello che abbiamo fatto, sapendo che sicuramente era la cosa migliore che in quel momento potevamo fare. Anche se abbiamo fatto una grande cazzata. L’amore incondizionato non guarda alle nostre azioni, ma alla nostra meravigliosa anima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...